Come vestirsi a un matrimonio: idee e consigli per gli abiti da invitati

Data del gran giorno? Scelta.
Location? Anche.
Inviti al matrimonio? Spediti!
Vestito? Preso!

Benissimo, cosa manca ancora? Ma gli accessori all’abito da sposa!

Come indicato dal nome, gli accessori saranno sì secondari, ma non per questo sono da considerarsi meno importanti al punto da venire ignorati o relegati a scelte dell’ultimo minuto: se desideri che le tue nozze siano esattamente come le hai sempre sognate, anche i dettagli contano, non solo dal punto di vista organizzativo, ma anche per quanto riguarda il vestiario.

Vediamo dunque quali sono gli accessori più comuni da abbinare al tuo abito da sposa e quali sono gli aspetti da considerare per essere perfetta in ogni singolo aspetto.

Indicazioni generali nella scelta degli accessori per l’abito da sposa

Innanzitutto, le parole d’ordine da tenere a mente quando si stanno scegliendo questo genere di dettagli sono tre: armonia, equilibrio ed eleganza. È infatti molto importante optare per accessori che siano complementari all’abito da sposa e all’acconciatura, sia nei toni che nei colori, così da far risaltare l’intera figura nel suo insieme: guanti, cappelli, gioielli, possono tutti rifarsi al colore del vestito, a un singolo dettaglio del ricamo o, perché no, al bouquet, ma devono essere sempre in armonia con lo stile prescelto, senza contrasti ed eccessi.

Gli accessori che si possono abbinare sono essenzialmente cinque, più uno extra che vedremo più avanti: scarpe, guanti, gioielli, borsetta e cappello.

L’accessorio indispensabile: le scarpe

Definirle “accessori”, in effetti, può sembrare riduttivo: non vorrai mica andare all’altare scalza, vero? Ecco, potremmo perdonarti giusto nel caso in cui il tuo sia un matrimonio a tema hippie, però… Resta il fatto che la scelta di cosa avrai ai piedi per tutto il giorno sia piuttosto importante. Spesso e volentieri, infatti, abito e scarpe si scelgono praticamente insieme, perché a seconda del tipo di calzature, l’effetto finale cambia.

scarpe accessorio abito da sposa

Un tempo, tradizione ed etichetta erano piuttosto severe in materia di scarpe per la sposa: scollate, ma chiuse; idealmente dello stesso tessuto del vestito o comunque in tinta con esso; rigorosamente col tacco basso e niente punte esagerate.

Oggi, fortunatamente, non è un problema eccessivo discostarsi da queste indicazioni e anche tacchi alti e sandali eleganti sono ammessi (e nei matrimoni più moderni gli sposi indossano addirittura scarpe da ginnastica!), ma è sempre bene che siano in linea col resto della mise e, soprattutto, che siano comode: tra cerimonia, foto e festa, passerai moltissimo tempo in piedi e dubitiamo che tu voglia essere ricordata come la sposa traballante e zoppicante. L’ideale, quindi, è scegliere con cura il modello più adatto alla forma del piede farsi confezionare delle scarpette su misura, così da poter indossare un modello tagliato perfettamente sul tuo piede, coniugando in colpo solo comodità ed eleganza. E poi così sarà molto più facile abbinarle direttamente al vestito.

Accessori facoltativi ma di classe: i guanti

Guanti e gioielli non sono strettamente necessari quanto le scarpe, ma sicuramente aiutano a dare quel tocco in più al tuo look da novella sposa.

I guanti, poi, sono previsti dall’etichetta nei matrimoni più formali, dove devono essere complementari all’abito da sposa, ricalcandone lo stesso stile, colore e tessuto. Alternativamente, possono rifarsi anche al velo.

In ogni caso, sempre secondo la tradizione, devono essere sfilati una volta raggiunto l’altare per lo scambio delle promesse.

Gioielli per un look prezioso ed elegante

Se i guanti sono previsti all’interno del galateo matrimoniale, i gioielli invece, non sono visti di buon occhio, soprattutto per quanto riguarda anelli (no, neanche quello di fidanzamento!) e bracciali. Tuttavia, orecchini preziosi, non pendenti e poco vistosi, assieme a una leggerissima collanina d’oro o di perle sono concessi.

Nei fatti, in realtà, nessuno fa poi tanto caso a queste sottigliezze e puoi decidere più o meno liberamente che tipo di gioielli indossare, purché siano, come tutto il resto, adatti alla tua figura (scegli dei preziosi adeguati al tuo viso), al tuo look (le gemme dovrebbero far risaltare te e il tuo abito, non rubarti la scena) e al contesto (nelle cerimonie serali e in luoghi chiusi si può osare un po’ di più con volumi e colori rispetto alle celebrazioni diurne e all’aperto).

Accessori abito da sposa: borsetta sì o no?

Il galateo matrimoniale non prevede che la sposa vada all’altare con una borsa: le mani dovrebbero essere libere o, al massimo, reggere il bouquet. Tuttavia, soprattutto per le cerimonie non religiose e/o più informali, se proprio non si riesce a farne a meno, allora una semplice pochette, non troppo voluminosa e ben abbinata al vestito, può diventare un simpatico accessorio da adottare. Ma nel momento dello scambio degli anelli, per favore, affidala a una damigella o a un’amica tra gli invitati!

Riti civili e cappelli

Ultimo accessorio per l’abito da sposa con cui arricchire la propria mise è il cappello. Certo, non è proprio da tutti ed è applicabile solo ai riti civili, ma di sicuro rappresenta una precisa scelta di stile che fa emergere personalità e carattere.

Ovviamente, non tutti i copricapi sono adatti al contesto e quando si sceglie la regola fondamentale da tenere a mente è che il viso deve essere sempre ben visibile. Neanche a dirlo, il cappello va poi abbinato allo stile del vestito: i cappelli a falde larghe sono ideali per gli abiti da sposa corti o senza strascico, mentre una cloche è da preferire per i vestiti in stile anni Trenta. Se invece non si vuole rinunciare all’aura misteriosa tipica del velo, un cappello con veletta da abbinare a un abito da sposa vintage è l’ideale.

L’accessorio extra: il velo

Il velo è un elemento ricorrente in molte culture, che non fa solo parte della religione cristiana, ed è stato visto per secoli come elemento obbligatorio del corredo nuziale.

Nell’Antica Roma era un simbolo di buon augurio che veniva indossato anche dall’uomo a protezione della coppia nuziale, mentre nel Medioevo era considerato un mezzo per proteggere il candore della sposa da spiriti maligni e negatività; nel Rinascimento, invece, veniva impiegato nei matrimoni combinati per nascondere il viso della donna allo sposo fino a quando quest’ultimo non avesse detto “sì”. Insomma, il velo è stato per secoli un elemento significativo della cerimonia di nozze, almeno fino al Novecento, quando ha iniziato a essere concepito come accessorio nuziale per definire e completare il look della futura moglie.

Al giorno d’oggi, infatti, il velo viene considerato come un accessorio dell’abito volto a donare alla sposa un’aria misteriosa, sofisticata e al tempo stesso romantica: è a tutti gli effetti un elemento di stile, che come tale deve essere abbinato al vestito e possibilmente integrato nell’acconciatura della sposa, dove verrà fissato con pettini, fermagli o coroncine.

E tu, hai già deciso quali accessori affiancare al tuo abito sposa?

Questi appena visti sono gli accessori per l’abito da sposa più comuni. Gli aspetti da considerare possono sembrare tanti, ma dal momento in cui avrai scelto lo stile del tuo abito e il modello, la scelta di un oggetto rispetto a un altro risulterà molto più semplice e naturale. Nei nostri atelier di Ferrara e Modena potrai trovare moltissime proposte per rendere unico e perfetto il tuo outfit sposa!

Fidati, sappiamo di cosa stiamo parlando, è il nostro lavoro ;)